Che cos’è il certificato di agibilità?

E’ il documento che certifica che gli immobili ed i suoi impianti rispettino le condizioni per la sicurezza, l’igiene e la salubrità previste dalle normative vigenti. Il certificato di agibilità è dunque indispensabile e bisogna esserne in possesso per poter abitare, vendere, fittare o donare un’immobile.

Quando si richiede il certificato di agibilità?

Il certificato di agibilità si richiede dopo la realizzazione di nuove costruzioni, ampliamenti, sopraelevazioni o interventi di ristrutturazione edilizia che comportano modifiche importanti alle caratteristiche dell’immobile. La richiesta deve essere presentata entro e non oltre quindici giorni dalla fine dei lavori, pena una sanzione.

Come fare la richiesta di agibilità?

La domanda di agibilità deve essere indirizzata allo Sportello Unico dell’Edilizia del Comune in cui si trova l’immobile ed accompagnata da:
– ricevuta della domanda di accatastamento presentata all’Agenzia del Catasto;
– dichiarazione del richiedente che attesta la conformità dei lavori eseguiti;
– attestato di conformità di tutti gli impianti rilasciata dalla ditta installatrice, insieme al certificato del collaudo dell’impianto, quando sia previsto;
– certificazione del collaudo statico nel caso di interventi strutturali;
– certificazione di conformità per le opere realizzate all’attuale normativa per l’accessibilità.

Quali sono i tempi per ottenere il certificato di agibilità?

In genere il certificato di agibilità si ottiene entro trenta giorni dalla presentazione della richiesta, termine che, nei casi di richiesta di documenti aggiuntivi, incomincerà a decorrere dal giorno di ricezione della documentazione integrativa.

Hai bisogno del certificato di agibilità per un locale commerciale? Chiedi un preventivo gratuito! CHIEDI ORA